CFD, cosa sono leve e margini

By | 28 Febbraio 2019

Quando si tratta di CFD, è ben noto che una delle motivazioni che spinge spesso gli investitori all’acquisto e al trading sia leva finanziaria. Ma che cos’è?

La leva finanziaria è la componente chiave del trading dei CFD, e per molti aspetti è la leva finanziaria che distingue i CFD da molti altri strumenti finanziari. La leva finanziaria è infatti la capacità di amplificare artificialmente la dimensione delle proprie posizioni, con un piccolo aiuto dal proprio broker.

La leva finanziaria è in effetti un finanziamento temporaneo a breve termine fornito dal broker, che fornisce accesso a transazioni di dimensioni maggiori, e quindi a maggiori rendimenti percentuali sul vostro capitale. Così, invece di impiegare 100 € di azioni, i 100 € potrebbero farti guadagnare 2000 € di CFD, semplicemente a causa dell’impatto della leva finanziaria. Mentre i restanti 1.900 euro dovranno essere rimborsati alla fine della transazione, i profitti realizzati sui 2.000 euro sono depositati in aggiunta all’investimento iniziale di 100 euro. Ciò rende i CFD incredibilmente più redditizi della maggior parte degli altri strumenti di mercato ma… evidentemente anche più rischiose, visto e considerato che ad essere amplificati non sono solamente gli utili ma, ovviamente, anche le perdite.

Chiarito ciò, bene ricordare anche che affinché la leva finanziaria funzioni senza intoppi, i trader sono tenuti a depositare e mantenere una certa percentuale dell’importo totale della transazione come garanzia contro qualsiasi leva finanziaria offerta. Questo importo è noto essere il requisito di margine, ed è di fatto il tasso di buy-in per il trader CFD. Di solito, i requisiti di margine sono intorno alla soglia del 5%, offrendo di conseguenza una leva finanziaria a un fattore 20, anche se questo varia a seconda del mercato e dello strumento in cui si sta facendo trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *