I rimedi naturale per combattere la cellulite

By | 30 ottobre 2013

State cercando rimedi naturali cellulite? Sono tantissime le persone che si preoccupano di avere una linea perfetta, visto che la cellulite è un inestetismo della pelle che colpisce in particolar modo le donne. Vi state chiedendo in tutti i modi perché accade questa manifestazione?

Semplicemente perché gli ormoni sessuali femminili, tendono a favorire in alcune zone del corpo e i rimedi naturali cellulite sono una soluzione efficace. Avete mai provato gli impacchi al caffè? Pare che per moltissime persone bere il caffè ogni giorno è un abitudine che quasi tutti hanno e che sarebbe un peccato non sfruttare.

Siete pronti a conoscere come preparate l’impacco con i fondi di caffè fai da te? Ricavate ogni giorno tutti i fondi di caffè, all’interno di un contenitore e utilizzateli per la creazione di questo impasto. Non acquistate prodotti super costosi ma scegliete solo il meglio dei rimedi naturali cellulite.

Cellulite

Basterà applicarlo sulla zona interessata e lasciarlo per circa mezz’ora. Per facilitare l’applicazione dell’impacco consigliamo di aggiungere una piccola quantità di olio di oliva.

Alcuni studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia della caffeina contro la cellulite e le donne più attente avranno sicuramente notato che questa compare in numerosi prodotti cosmetici. Infatti, per chi non lo sapesse desideriamo ricordare che la cellulite è da eliminare e questo impacco agisce stimolando il drenaggio, permettendo quindi di rimuovere con maggior facilità i liquidi accumulati. Interessante, inoltre, che l’utilizzo della caffeina non implichi effetti indesiderati.

Chi preferisce può mettere a frutto i benefici della caffeina durante una rilassante e rigenerante doccia calda.

Insomma un impacco salutare magari da utilizzare dopo una doccia calda, quando tutti i pori sono dilatati e permettono un facile assorbimento dei fondi del caffè con la loro azione drenante. Non pensavate che i fondi di caffè potessero diventare dei rimedi naturali?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *