Perché i forum parlano male delle opzioni binarie?

By | 21 Maggio 2015

forumCome recita un detto popolare, ‘non fare di tutta l’erba un fascio’! È un invito a mantenere i nervi saldi e la mente lucida di fronte a chi parla male o non vede di buon occhio qualcosa solo perché l’esperienza negativa di un singolo o di pochi e il passaparola approssimativo e senza fondamenta, hanno creato un clima di dubbi ad ampio raggio. Ecco, il raggio andrebbe ridotto e circostanziato, altrimenti si rischia di non avere delle opportunità di crescita e di cadere piuttosto nella rete dell’ignoranza di chi predica ma non pratica.
E questo purtroppo accade anche nel trading on line, riguardo alle opzioni binarie, spesso oggetto di discussione nei forum dedicati che si trovano sul web, luoghi di confronto fra persone coinvolte da uno stesso interesse, ma dove spesso, purtroppo, la voce di uno rischia di diventare l’eco degli altri.

Una risorsa autorevole che propone delle guide per principianti e per tutti coloro che operano nel trading on line, e che vogliano approfondire le opzioni binarie, è http://www.opzionibinariee.eu/ 

Perché parlar male delle opzioni binarie?

Come ho già accennato, nei forum di discussione, paragonabili alla piazza dove si radunano persone attorno ad un tema condiviso, capita di leggere qua e là commenti negativi sulle opzioni binarie, da parte di chi non ha esperienza nel trading on line e non ne conosce gli strumenti per operarvi.
L’equivoco è quello di farsi idee e preconcetti che è poi difficile decostruire se non si hanno delle controindicazioni per riformulare un quadro più ampio rispetto a quello che la disinformazione ha soltanto abbozzato.
Un’arma pericolosa è proprio la disinformazione, un fenomeno che ha un humus molto peccaminoso. Origina dall’ignoranza, vive e si diffonde ‘per il sentito dire’, si alimenta del passa parola, potente e virale strumento di marketing, giungendo all’orecchio di altri che, a loro volta, non avendo un’opportuna conoscenza per discernere, traggono le loro conclusioni affrettate e distruttive. E così vengono fuori le pandemie!
Certamente quegli utenti che parlano male delle opzioni binarie non lo fanno per dispetto e neanche per antipatia, sarebbe folle e poco sano. I motivi possono essere diversi e fra i più frequenti ve ne sono un paio: la diffidenza dettata dall’ignoranza e l’esperienza negativa di uno che contamina il giudizio degli altri.
Eppure oggi con l’accesso alla rete ogni cosa è alla portata di tutti, l’informazione è veramente ormai un tesoro da cogliere a piene mani per sondare ogni aspetto della vita, volendo, che ci possa interessare e che desti la nostra curiosità. E allora usiamo la rete e la ricerca sul web per ottimizzare le nostre conoscenze e ricavarne il meglio! Perché dietro ad una buona cultura si nascondono tantissime opportunità di crescita!
In ogni buona risorsa web che, ad esempio, parli di opzioni binarie, a volerle trovare ci sono tante informazioni su come avvicinarsi a questo strumento senza correre rischi, e con la prospettiva di ottenere dei rendimenti sicuri.
Il web è ricco di tutorial su come muovere i primi passi, dalla scelta del broker, all’utilizzo della piattaforma, fino ad arrivare a tutte le misure da adottare quando si entra nel mercato on line per non avere brutte sorprese.
Molti utenti che non si informano, non sanno che nella scelta di un broker, l’affidabilità e la sicurezza sono “quasi” tutto, che se si opera con broker autorizzati Consob (organo italiano preposto al controllo di qualità) si può stare più che sicuri che nulla di losco accadrà, e che anzi l’esperienza si infittisce di tanti spunti per nuove attività sempre più entusiasmanti e soprattutto remunerative.

Dove cercare guide e tutorial?

Beh, sicuramente in siti e fonti autorevoli dove non vi sia soltanto pubblicità in banner e annunci vari, ma dove si possa leggere un contenuto e notizie aggiornate con dettagli tecnici e fonti citate.

Per entrare nel mondo del mercato on line, e ad esempio utilizzare uno strumento come le opzioni binarie, tanto per restare in tema con l’argomento, non serve una scienza occulta, sono strumenti semplicissimi e alla portata di un trader anche poco esperto.
La conoscenza è uno strumento che dobbiamo adoperare per approcciare a qualsiasi materia, senza le quali la nostra crescita non avverrebbe nel modo più opportuno, ovvero scevra da pregiudizi infondati.
Cosa serve allora per costruire un’adeguata conoscenza che porti ad una maggiore sicurezza nell’utilizzo di questi strumenti? Innanzitutto non bisogna sottovalutare l’investimento e confonderlo con il gioco d’azzardo, perché una mentalità di questo tipo è già di per sé un errore di valutazione, figlio dell’ignoranza, che rischia di ritorcersi contro. Un investimento è un impegno che non va preso con leggerezza!

Non aver mai ‘tradato’ o inserito alcun ordine, non sapere che cosa sia un opzione ‘top down’ o cosa si intenda per segnali, o chi sia un broker, tanto per scendere nel tecnicismo e non restare nel vago, la dice lunga sulla natura di alcune posizioni assolute e poco fondate frutto di ignoranza. E in questo contesto essere ignoranti non vuol dire essere analfabeti, ma letteralmente ignorare qualcosa e non poterne disquisire con esattezza. Ed il rischio che si corre in questi casi è anche più aspro di quello che si corre eventualmente operando con le opzioni binarie, perché restare stagnanti nell’ignoranza, invece di aprirsi ad un confronto sereno e scevro dai pregiudizi, blocca ogni processo di evoluzione e di miglioramento.
Un atteggiamento tipico dell’essere umano è proprio quello di guardare con sospetto tutto ciò che non si conosce e di formulare ipotesi distruttive, meno impegnative di quelle costruttive perché queste presuppongono dei propositi, delle idee che hanno bisogno del cemento della conoscenza, dell’esperienza sul campo, e di una dose elevata di indipendenza mentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *