Terapia per combattere l’acne

By | 15 settembre 2013

acne visoNel caso compaiano solamente pochi brufoli non bisogna ricorrere ad una terapia specifica per combattere il problema, basta utilizzare le pomate presenti in numerose farmacie, purché siano costituite da acqua e siano ipoallergeniche (trovi alcune pagine interessanti qui www.comeeliminareibrufoli.it).
Per rimuovere il problema dell’acne viene utilizzata la medicina convenzionale rispetto a terapia ove sono previsti farmaci in grado di frenare la produzione di sebo. Molti farmaci possono provocare effetti collaterali ed è quindi importante essere seguiti da un medico nel caso si decida di intraprendere un qualsiasi tipo di cura, magari seguendo i consigli di un dermatologo specializzato nelle malattie della pelle.
Solitamente, viene adottato un farmaco contenente acido retinoico, ma prima di applicarlo sulla parte desiderata è opportuno lavarla con un sapone neutro; nel caso la pelle presenti pustole si consiglia di tamponarla con un panno caldo.
Qualora i brufoli presentino delle infezioni è opportuno farli rimuovere da un medico e non con il metodo fai da te, poiché s’incorrerebbe nel rischio di aumentare l’infezione e di lasciare sul proprio viso delle brutte cicatrici che non se ne andranno con il tempo.
Nel caso la presenza di brufoli sia grave, il medico prescriverà un antibiotico a base di tretinoina.
I farmaci antiacneici assunti da molte persone possono causare spiacevoli effetti collaterali a livello della cute ed è quindi consigliato adottare altri sistemi di rimozione, come la chirurgia nei casi più aggressivi.
Gli antiacneici possono essere assunti sia tramite bocca che applicati direttamente sulla cute; bisogna prestare particolare attenzione agli ingredienti presenti nel prodotto qualora debba essere applicato o assunto da una donna incinta.

Nonostante gli effetti collaterali siano piuttosto rari, ma non inesistenti: è possibile riscontrare pelle arrossata, irritazione e desquamazione; per quanto riguarda le donne incinte ritroviamo effetti collaterali piuttosto gravi, come la deformazione fetale, ma solo nel caso l’antiacneico sia assunto tramite bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *