Vino, un consumo moderato riduce il rischio di diabete

By | 1 agosto 2017

Secondo quanto afferma una ricerca di un team di scienziati del National Institute of Public Health dell’University of Southern Denmark, guidata da Janne Tolstrup, un bicchiere di vino assunto tre – quattro volte alla settimana sarebbe in grado di determinare un minore rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto alle persone che non bevono vino. Determinata sulla base dell’osservazione clinica di oltre 70 mila persone, i ricercatori hanno dichiarato di aver “scoperto che la frequenza ha un effetto indipendente rispetto al quantitativo di alcol assunto. Quello che possiamo dire è che c’è un effetto migliore nel bere alcolici in quattro porzioni rispetto a un’unica dose tutta insieme”.

Il team ha monitorato i consumi di vino di un gruppo di volontari, e dopo cinque anni avevano sviluppato il diabete un totale di 859 uomini e 887 done. Fatti i debiti confronti, i ricercatori hanno poi concluso che bere moderatamente (tra le tre e le quattro volte alla settimana) riduce il rischio di diabete del 32 per cento per le donne e del 27 per cento per gli uomini, rispetto a chi beve meno di un giorno alla settimana.

Dalla ricerca è anche emerso che non tutti gli alcolici hanno lo stesso effetto: ad apparire particolarmente benefico è il vino, forse a causa dei polifenoli che sono contenuti soprattutto sul rosso, mentre per la birra gli uomini che bevono tra uno e sei boccali la settimana vedono il rischio di diabete contrarsi del 21 per cento rispetto a chi invece ne beve meno. Simili differenze non sembrano sussistere per quanto concerne le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *