Virus da record per la fine del 2014

By | 23 ottobre 2014
antivirusNotizie allarmanti ci giungono da una delle migliori aziende produttrici di software antivirus al mondo.
Secondo quanto riferito da alcuni esperti, verso la fine dei quest’anno assisteremo ad un’impennata considerevole dei virus distribuiti online. La ragione è molto semplice: aumenta il numero di utenti connessi, migliora la qualità di connessione, sempre più persone posseggono diversi dispositivi e, sopratutto, sono moltissime le persone ancora poco formate che utilizzando in modo troppo disinibito e spensierato la grande sorella Internet.

Telefonini, portatili ma anche webcam, stampani, sistemi audio, tutti costantemente connessi alla rete, un canale sempre aperto che può essere sfruttato per danneggiarci a nostra insaputa.
Ci sará un livello di record per i malware che, prima di gennaio del 2015, potrebbero raggiungere il considerevole numero di 3,5 milioni di varianti di minacce.
Parte quindi la corsa ad accaparrarsi i migliori antivirus del mercato per PC, portatili e anche per smartphone e tablet: anche l’adware è in aumento.
Nato come sistema invasivo di pubblicità adesso consente a pirati informatici e aziende di marketing di piazzare duri colpi alla nostra privacy, tracciando abitudini e comportamenti degli utenti online, con pop-up fastidiosi e annunci pubblicitari indesiderati.
Gli esperti dei G DATA Security Labs parlano purtroppo anche di una ulteriore minaccia che potrebbe esplodere allo stesso modo, sempre tra novembre e dicembre del 2014.
Si tratta dei nuovi e sempre pìu pericolosi Trojan bancari: un business realmente molto interessante perchè colpendo denaro diretto, offre ad hacker e pirati informatici un sistema lucrativo rapido, invisibile ed estremamente efficace.
Se facciamo qualche esempio, la minaccia di questi virus è cresciuta enormemente e nel solo anno il 45% degli enti bancari di tutto il mondo ha ricevuto almeno un attacco di livello considerevole.
Unica consolazione per noi italiani ed europei è che, a quanto pare, la maggior parte degli attacchi sia diretta sempre e comunque al mercato americano.

 

Category: PC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *