Il caldo fermerà il coronavirus?

di | 16 Maggio 2020

http_fotomuseo.it_turismo_Il caldo fermerà la diffusione di COVID-19? Forse, no. Nuove ricerche hanno infatti individuato poca o nessuna associazione tra la diffusione di COVID-19 e la temperatura di un’area.

Insomma, un nuovo studio suggerisce che il clima caldo e l’aumento dell’umidità probabilmente non saranno efficaci nel fermare la diffusione di COVID-19. Ma misure di salute pubblica come la chiusura delle scuole e l’allontanamento sociale sono sicuramente d’aiuto, come abbiamo  già avuto modo di toccare con mano nel nostro Paese.

Dunque, gli esperti sostengono che le persone devono essere intelligenti e responsabili nel modo in cui queste misure sono alla fine revocate per prevenire un’impennata della malattia. L’allontanamento fisico o sociale potrebbe dover continuare per almeno un anno – afferma uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal, che suggerisce – appunto – che l’arrivo del caldo probabilmente non fermerà la diffusione di COVID-19 come si era sperato. Questo stesso studio, tuttavia, sembra indicare che le misure di salute pubblica come la chiusura delle scuole e le limitazioni sulle dimensioni della raccolta sono di aiuto.

Secondo l’autore dello studio, il Dr. Peter Jüni, Institute for Health Policy, Management and Evaluation, University of Toronto e St. Michael’s Hospital, l’obiettivo dello studio era quello di indagare se la diffusione del COVID-19 sarebbe stata rallentata nel corso dei mesi più caldi e umidi dell’anno.

Jüni ha detto che è ben noto che l’influenza si comporta in questo modo, e si è pensato che forse anche COVID-19 lo sarebbe stato. Lo studio comprendeva 144 aree geopolitiche, tra cui stati e province in Australia, Canada e Stati Uniti, oltre a vari altri Paesi. In totale, 375.600 casi confermati di COVID-19 sono stati inclusi nello studio. Non sono stati invece inclusi la Cina, l’Iran, l’Italia e la Corea del Sud (la Cina è stata esclusa perché il virus era in declino al momento dello studio, ‘Iran e l’Italia sono stati esclusi perché la malattia era in pieno sviluppo al momento dello studio).

Per stimare la crescita della malattia, i ricercatori hanno confrontato il numero di casi del 20 marzo con il numero di casi del 27 marzo. Hanno poi esaminato in che modo la latitudine, la temperatura e l’umidità hanno influito sulla crescita dell’epidemia. Inoltre, hanno esaminato come le misure di salute pubblica durante il periodo di esposizione dal 7 al 13 marzo – come l’allontanamento sociale, la limitazione dei grandi raduni e la chiusura delle scuole – hanno influenzato la crescita dell’epidemia.

Quando i ricercatori hanno analizzato i dati, hanno trovato poca o nessuna associazione tra crescita epidemica e latitudine e temperatura. In particolare, l’umidità è stata solo debolmente associata a una ridotta trasmissione della malattia. Tuttavia, esisteva un forte legame tra la ridotta trasmissione della malattia e varie misure di allontanamento fisico o sociale, come la chiusura delle scuole e la limitazione dei grandi raduni. Inoltre, l’attuazione di un maggior numero di queste misure era fortemente legata alla ridotta diffusione della malattia.

Sulla base di questi risultati, Jüni ha detto che è abbastanza improbabile che la temperatura abbia un ruolo nel controllo della pandemia. “Il ruolo dell’umidità non è chiaro, ma i nostri dati suggeriscono che, nella migliore delle ipotesi, sarà minore”. Tuttavia, le restrizioni sulle riunioni di massa, la chiusura delle scuole e l’allontanamento fisico sembrano avere un ruolo importante nell’arginare la diffusione della malattia, ha poi aggiunto. Infatti, i dati suggeriscono che l’attuazione di almeno due di questi interventi potrebbe ridurre la crescita epidemica di una media del 30%, ha detto Jüni.

Secondo Brian Labus, PhD, MPH, professore assistente presso la Scuola di Sanità Pubblica dell’Università del Nevada a Las Vegas, temperatura e umidità giocano un ruolo nella sopravvivenza del virus, ma questo gioca solo un piccolo ruolo nella sua trasmissione. “Il più grande fattore di trasmissione della malattia è il nostro comportamento”, ha spiegato. “Questo studio ha trovato esattamente questo. La temperatura e l’umidità non significano molto per la trasmissione delle malattie, ma la nostra attuazione della distanza sociale sì”.

Sebbene molte persone sono ansiose di tornare a una vita “normale”, Jüni suggerisce che dobbiamo essere “intelligenti e creativi” nel modo in cui lo facciamo per evitare un’altra ondata di casi. “Dobbiamo tutti prepararci ora per una maratona“, ha detto Labus, aggiungendo che probabilmente dovremo seguire i principi della distanza fisica per almeno un altro anno.

Nel decidere quando allentare le restrizioni, Labus ha detto che dobbiamo tenere a mente che tutte le comunità non sono uguali. “Le decisioni devono essere basate su ciò che sta accadendo con la malattia in quella comunità, e non importa cosa stanno facendo gli altri luoghi in quel momento”, ha detto.

Labus ha suggerito che queste decisioni devono essere guidate dai dati piuttosto che dalla pressione pubblica o economica. “Se non si usano i dati della malattia per guidare le decisioni, non dovrebbe essere una sorpresa se le decisioni non funzionano come si sperava”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *