Malaria, le zanzare si fanno intelligenti e cambiano il loro comportamento

di | 5 Maggio 2020

L’uso su larga scala di reti da letto trattate con insetticidi ha portato a una sostanziale diminuzione dell’incidenza globale della malaria negli ultimi anni. Di conseguenza, le zanzare hanno spostato i loro tempi di puntura a prima della sera e più tardi al mattino.

In un nuovo studio, un team internazionale di ricercatori ha infatti scoperto che le zanzare hanno maggiori probabilità di trasmettere la malaria nelle prime ore serali, quando le persone sono esposte, piuttosto che a mezzanotte, quando le persone sono protette da reti da letto, e poi di nuovo al mattino. I risultati possono avere implicazioni per le iniziative di prevenzione della malaria.

“L’uso su larga scala di zanzariere da letto trattate con insetticidi ha portato a un sostanziale calo del carico globale di malaria negli ultimi anni; tuttavia, le prove provenienti da diverse località suggeriscono che le zanzare potrebbero cambiare il loro comportamento mordace per evitare il contatto con queste reti”, ha detto Matthew Thomas, professore e Huck Scholar in Entomologia Ecologica, Penn State. “Questa cosiddetta ‘resistenza comportamentale’ potrebbe avere enormi implicazioni per la salute pubblica perché se più zanzare si nutrono la sera o la mattina, l’efficacia protettiva delle reti potrebbe essere ridotta”.

Il team ha condotto una serie di studi di laboratorio per esaminare se il momento dell’alimentazione influisce sulla capacità di una zanzara di diventare infettiva con il parassita della malaria. Hanno presentato le due più importanti zanzare della malaria – Anopheles stephensi e Anopheles gambiae – con pasti di sangue infetti in diversi momenti della giornata e in diverse condizioni di temperatura e le hanno monitorate per determinare la loro “competenza vettoriale” – la capacità di acquisire con successo i parassiti della malaria e diventare infettivi. I risultati in Nature Ecology and Evolution.

“Le temperature calde possono inibire l’insediamento dei parassiti, quindi più a lungo le zanzare sono esposte alle temperature calde diurne, maggiori sono le possibilità che la zanzara si infetti”, ha detto Eunho Suh, studioso post-dottorato della Penn State. “Le zanzare che si nutrono al mattino hanno solo 4 ore di tempo prima che le temperature diventino troppo calde per la trasmissione del parassita, mentre quelle che si nutrono la sera hanno 16 ore di temperature più fresche”.

Thomas ha aggiunto che molti studi hanno studiato l’infezione della malaria nelle zanzare in laboratorio, ma questo lavoro tende a ignorare la possibile influenza di fattori ambientali come l’ora del giorno e le variazioni di temperatura. “È davvero sorprendente che quando si aggiunge questa complessità ecologica, più o meno sei ore nel tempo di alimentazione possono trasformare una zanzara da estremamente suscettibile all’infezione da malaria a diventare quasi completamente refrattaria”, ha detto.

Successivamente, i ricercatori hanno creato un modello matematico per esplorare le potenziali implicazioni per la salute pubblica di un cambiamento nell’infettività delle zanzare dovuto alla tempistica delle punture di zanzara. I risultati del modello supportano le loro scoperte di laboratorio.

“C’è grande preoccupazione che i cambiamenti nei modelli di alimentazione delle zanzare possano ridurre l’efficacia delle zanzariere, che sono il nostro strumento più importante nella lotta contro la malaria”, ha detto Thomas. “I prossimi passi chiave sono l’estensione del lavoro ai sistemi sul campo per valutare la solidità dei risultati nel mondo reale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *