Smartwatch: cosa sono, a cosa servono

By | 24 luglio 2018

smartwatchGli smartwatch sono un tipo di dispositivo nato negli ultimi anni, che sta avendo un buon successo, senza essere ancora diventato un prodotto di massa. Si tratta per certi versi di orologi, con un qualcosa in più; introducendo all’interno di un orologio un microprocessore e dotandolo di funzioni evolute si ottiene un nuovo tipo di oggetto tecnologico, che può avere numerose funzioni: in pratica tutte quelle che desideriamo. Oggi in commercio ne esistono diverse tipologie, dai più tradizionali smartwatch, ricchi di funzioni di vario genere, alle più pratiche smartband, ossia braccialetti intelligenti utili per lo sport e il monitoraggio quotidiano dell’attività fisica. Ci sono poi dispositivi ibridi, come ad esempio l’ottimo Amazfit Bit, che hanno sia buone funzioni da smartwatch, sia da fitband.

Cosa si può fare con uno smartwatch

In effetti inizialmente gli smartwatch non hanno riscosso tutto il successo che i progettisti si attendevano, per motivazioni varie. Tra cui le dimensioni eccessive dei primi dispositivi e la ristrettezza del numero di operazioni che si potevano compere con questi dispositivi wearable. Oggi la maggior parte dei modelli hanno introdotto funzionalità che riguardano l’attività fisica, come ad esempio il conteggio dei passi, tramite un apposito sensore, o la verifica del ritmo cardiaco o la presenza di un GPS che verifica i nostri spostamenti. Proprio l’introduzione di questo tipo di funzionalità ha decretato il successo di questi dispositivi, oggi sempre più diffusi. Ma inizialmente non erano queste le funzionalità degli smartwatch, che nascono come dispositivi “intelligenti”, sarebbe meglio dire smart, da polso.

Come utilizzare uno smartwatch

Fermo restando che volendo si può acquistare u dispositivo di questo genere semplicemente per monitorare i nostri allenamenti, ce ne sono diversi in commercio che ci permettono anche di approfittare al massimo del loro display. Si perché, non stiamo parlando di un comune quadrante, quanto piuttosto di un display touch compatto, sul quale è possibile visualizzare una serie di informazioni. L’orologio infatti può essere sincronizzato con lo smartphone in modo da mostrarci sul display l’arrivo di notifiche di ogni genere; oltre a questo è possibile leggere e inviare e-mail, ascoltare musica, effettuare telefonate, scattare fotografie, utilizzare l’orologio come fosse una telecamera, visualizzare applicazioni di ogni genere. Ovviamente non tutti i dispositivi in commercio permettono di svolgere tutte queste attività, stiamo infatti parlando di un mercato oggi molto variegato, con dispositivi che hanno prezzi che partono da poche decine di euro fino a oltre 400-500 euro.

Dove comprare uno smartwatch

Visto che stiamo parlando di dispositivi molto versatili e di un’offerta variegata la loro diffusione all’interno dei negozi è altrettanto variegata. Ovviamente possiamo acquistare i modelli di punta in qualsiasi negozio di articoli elettronici, nelle grandi catene sul territorio come su quelle online, o anche negli store delle singole marche. Alcuni modelli però sono presenti anche nei negozi dedicati agli articoli sportivi, del resto sono proprio gli appassionati di sport coloro che più spesso acquistano questo tipo di prodotti, soprattutto ovviamente per utilizzarli per monitorare gli allenamenti quotidiani, con grande facilità e praticità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *