Banca Popolare Milano e Banco Popolare verso la fusione

di | 20 Settembre 2016

slot soldiBanca Popolare Milano e Banco Popolare procedono a passo lievemente spedito verso l’operazione attesa di fusione intersocietaria. Le assemblee sono state infatti programmate per il 14 ottobre in prima convocazione e per il 15 ottobre in seconda convocazione, con l’ordine del giorno di poter deliberare sul progetto di fusione tra i due istituti.

Si terranno dunque in quella data le assemblee straordinarie dei soci delle due banche che dovranno dare il via libera alla trasformazione in SpA e alla contemporanea creazione della nuova capogruppo ”Banco BPM SpA”. Per quanto riguarda il Banco Popolare il prezzo del diritto di recesso è stato fissato a 3,156 euro e per le azioni di Popolare di Milano è stato fissato a 0,4918 euro. Entrambi i valori esprimono un ampio premio rispetto al prezzo di chiusura di ieri.

Non è questa, inoltre, l’unica notizia degna di nota sul settore bancario italiano in data di oggi. Tra poche ore, infatti, la BCE si prepara a discutere il dossier di MPS per consentire al Consiglio della banca il cambio in corsa dell’Amministratore Delegato, chiamato a predisporre il piano di cessione da oltre 9 miliardi di euro di sofferenze e le conseguenti azioni sul capitale per coprire le perdite.

A rivelarlo è stato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Toccherà al nuovo A.D. Marco Morelli, che si insedierà domani, di adeguare il piano. Vedremo se, come sembra, il cambio al vertice dell’istituto di credito toscano non apporterà problemi alla strada di salvataggio della banca…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *