Ti fai un selfie? Hai disturbi mentali

di | 8 Aprile 2014

selfie-maniaE’ la moda del momento, non c’è che dire. Stiamo parlando dei selfie, ovvero degli autoscatti che vip e gente comune si fanno in continuazione, per poi pubblicarli direttamente su facebook, instragram o qualsiasi altro social network. Chi lo abbia per primo ideato non si sa, ma in questi ultimi mesi è una mania che sta letteralmente spopolando. C’è però uno studio americano che frena questa voglia di esibizionismo, ed etichetta chi si fa un selfie come un soggetto con possibili disturbi mentali. Non vi resta che leggere con attenzione…e preoccuparvi!

Lo studio in questione arriva direttamente dall’American Psychiatric Association: quest’ultima chiama questa dipendenza “selfite”, e suddivide questa nuova patologia in tre casi. La selfite borderline è chi fotografa sé stesso almeno tre volte al giorno. Tuttavia, le immagini rimangono nel telefonino, e non vengono pubblicate su Internet. C’è, poi, la selfite acuta: interessa chi scatta almeno tre fotografie di sé stesso al giorno, e le pubblica tutte online. Infine, tra i casi disperati rientrano quelli di selfite cronica: si tratta di persone che nutrono una voglia incontrollabile di scattare autoritratti lungo l’arco dell’intera giornata. Ovviamente, tutte le immagini vengono pubblicate su Internet, e più di sei volte al giorno.

Al momento, pare non esserci una cura ben precisa per la selfite, anche se l’APA suggerisce una Terapia Cognitivo-Comportamentale, siglata come CBT.

Adesso che avete letto anche cosa tratta lo studio americano, avete qualche dubbio su questa “moda”? Per voi si tratta di un semplice passatempo, oppure siete diventati ufficialmente dei selfie-dipendenti? Se vi può consolare, la mania ha investito persino i divi di Hollywood: noti per essere al di sopra di qualsiasi moda (in quanto sono convinti di crearla!), si sono fatti contagiare dal selfie. Poco importa che venga fatto in bagno, per strada o su un red carpet: l’importante è esserci. Sempre, e comunque, ad ogni costo. Non resta che attendere il primo raduno ufficiale di selfisti: voi ci sarete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *