Strategie per e-commerce turistico

di | 14 Novembre 2015

acquisto on lineIn Europa le aziende italiane sono quelle che utilizzano meno le attività e-commerce online ed i dati disponibili, invece, promuovono chiaramente chi lo fa producendo un fatturato più alto rispetto a chi vende solo offline.

Insomma le imprese che non utilizzano la rete come parte integrante del proprio core business perdono tante opportunità. Gli utenti che acquistano in rete sono cresciuti nel 2012 del 20% rispetto all’anno precedente, come anche il fatturato. Cosa aspetti?

Come costruire un e-commerce di successo


Per chi vuole aprire un e-commerce, il momento è decisamente favorevole. C’è ancora “poca” competizione ed i costi di marketing sono “ridotti”. C’è poi un ambito molto popolare in cui gli utenti cercano continuamente di cogliere le proposte dell’ultim’ora, ed è quello dei viaggi e del turismo. E’ molto importante, però, curare ogni aspetto di un sito web che voglia proporsi come e-commerce.


Come costruire un e-commerce di successo? La risposta è nella promozione marketing e nello sviluppo, passando per altri strumenti legati più che altro a software realizzati per la gestione dell’attività turistica. Anche in questo caso non è difficile dotarsi degli strumenti più adeguati. La fortuna è che in rete si possono testare piattaforme e programmi gestionali in versione demo e poi decidere se acquistarli. Se hai necessità, per provarlo clicca qui.

Ricerche di marketing

Un sito web non deve solo essere bello graficamente, senza un piano strategico di marketing non si può avviare un e-commerce.


Le ricerche di marketing sono indispensabili per capire qual è il mercato potenziale cui rivolgersi. L’analisi di marketing dovrebbe puntare ad individuare le reali opportunità di business, ovvero quante persone potrebbero essere interessate alla categoria di prodotti in questione. Quanti già acquistano quei prodotti e quanti possono essersi convogliati verso un altro e-commerce.


E’ importante svolgere un’accurata analisi dei competitor per capire cosa fanno, cosa e come vendono, con quali servizi si posizionano, con quali prezzi e risultati. 

Dopo aver fatto le indagini necessarie è possibile iniziare con la produzione dei contenuti che serve ad attrarre pubblico e a fidelizzarlo per poi convertirlo.


Creare un blog per una struttura ricettiva richiede tempo, energie e risorse, ma soprattutto contenuti di qualità. Un’alternativa se questo progetto non può vedere la luce inizialmente è quella di trattare alcune sezioni del sito ufficiale come un blog creando una pagina dedicata alle news, agli eventi, alle informazioni, alle recensioni, contenuti che possono essere ricondivisi sui profili social. Questa modalità serve a far percepire il sito vivo agli occhi dei motori di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *