Bolt e Uber, come cambiano i rapporti di forza

di | 31 Maggio 2020

Bolt, un concorrente europeo di Uber, afferma di essere ora valutato a 1,7 miliardi di euro dopo aver raccolto nuovi fondi, in quanto mira a ricostruire lo slancio di un’attività gravemente perturbata dalla pandemia del coronavirus.

La società di Tallinn, con sede in Estonia, ha dichiarato martedì di aver raccolto 100 milioni di euro da Naya Capital, un gestore di investimenti fondato dall’investitore di fondi hedge Masroor Siddiqui. Il nuovo capitale sarà utilizzato per incrementare la sua attività principale di trasporto e i servizi più recenti, come gli scooter elettrici e la consegna di cibo.

“Anche se la crisi ha temporaneamente cambiato il modo in cui ci muoviamo, le tendenze a lungo termine che guidano la mobilità on-demand, come il calo del possesso di auto personali e il passaggio a trasporti più ecologici, continuano a crescere“, ha detto il co-fondatore e CEO di Bolt Markus Villig in una dichiarazione di martedì.

Bolt ha subito un calo del 75% dei ricavi verso la metà di marzo, quando i Paesi di tutta Europa hanno iniziato a introdurre restrizioni di blocco per arginare la diffusione di Covid-19. Altri attori dello spazio, come Uber e Ola, sono stati colpiti in modo simile, anche se Bolt sostiene di non aver dovuto licenziare le persone per far fronte all’impatto della pandemia. L’azienda ha comunque tagliato gli stipendi del 20-30% in aprile e maggio, ma si aspetta che tornino presto ai livelli pre-crisi.

I servizi di ride-hailing dell’azienda sono disponibili in più di 150 città in Europa e in Africa. L’anno scorso, l’azienda ha cambiato il suo marchio da Taxify per espandersi in nuovi settori come lo scooter-sharing e il cibo. Recentemente ha introdotto nuovi servizi rivolti ai corrieri e ai lavoratori essenziali per adattarsi alla crisi.

Villig ha detto che gli investitori di Bolt – tra cui la casa automobilistica tedesca Daimler e il gigante cinese Didi Chuxing – “sostengono la nostra visione a lungo termine e non si fanno coinvolgere nelle spese insensate che sono diventate così comuni nella Silicon Valley”. “Sono più che mai convinto che la nostra efficienza e la nostra localizzazione siano un vantaggio fondamentale nel settore on-demand”, ha aggiunto. “Queste ci permettono di continuare a offrire trasporti a prezzi accessibili a milioni di clienti e i migliori guadagni per i nostri partner nel mondo post-COVID”.

A dicembre, Villig ha detto che la sua azienda aveva raggiunto il pareggio o la redditività in due terzi dei suoi mercati, ma la pandemia ha portato a una sorta di reset per le applicazioni di trasporto. Nel 2018, i dati più recenti disponibili al pubblico, Bolt ha registrato una perdita netta di 61 milioni di euro con un fatturato di circa 80 milioni di euro. L’ultimo round di finanziamento di Bolt è consistito in una obbligazione convertibile, una forma di debito a breve termine convertibile in azioni. Naya è stato l’unico investitore a partecipare al round.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.