Come iniziare a fare trading?

di | 23 Maggio 2015

pc smartphoneChi vuole iniziare a fare trading on line deve innanzitutto scegliere un broker di qualità e aprire un conto per negoziare. La scelta del broker dipende da tanti fattori, ma alcuni di essi sono prioritari. Accertarsi che il broker sia affidabile e sicuro è uno dei primi passi per stabilirne la garanzia.
Dopo aver individuato il broker migliore, come procedere per iniziare a fare trading, come registrarsi alla piattaforma e come utilizzarla? L’aspetto positivo è che si può fare trading comodamente da casa propria, con una connessione alla rete, un pc o tablet, smartphone o altro dispositivo.

Il primo passo da compiere è andare sul sito del broker, registrarsi compilando i dati richiesti (nome, cognome, indirizzo, e-mail ed altri dati) ed inviare la richiesta per creare un conto presso il broker scelto.
Una volta effettuata la registrazione, si può iniziare ad esplorare l’area dei servizi, partendo proprio dal conto demo, un’ottima opportunità per fare un po’ di training. Molti siti di broker di livello danno l’opportunità di testare dinamiche e strumenti proprio mediante i conti demo che consentono di simulare le operazioni per verificarne il funzionamento. Sicuramente è buona norma farne uso, anzi è buona norma valutare sempre se il broker ne concede una prova gratuita. Se volete farvi un’idea su quali siano i broker migliori per il mercato Forex, potete consultare questa pagina web http://www.comefaretradingonline.com/broker/

Versamento minimo

Per fare operazioni è necessario un deposito iniziale. Ogni piattaforma consente di versare in diverse modalità, tramite bonifici, con carte di credito, con versamento elettronici come paypal. Qualunque sia il vostro preferito, ciò che conta è la sicurezza e la tracciabilità delle operazioni compiute. Dopo queste operazioni, l’utente riceve in omaggio un bonus in denaro, di circa 10/25 euro, che gli consente di iniziare a fare delle operazioni. I bonus possono essere anche di cifre maggiori, ma queste dipendono dall’importo depositato e sono comunque sottoposte a delle condizioni che è bene conoscere prima di fare scelte. Potete trovare tutte le informazioni necessarie nel contratto che ricevete al momento della registrazione.

Il trading on line: come negoziare sul mercato Forex?

Come iniziare a negoziare? Innanzitutto, prima di dare il via alle operazioni finanziarie è necessario fare attenzione ad alcuni concetti fondamentali come quello dei costi. Parliamo ad esempio di leva finanziaria e di commissioni, insomma spese che il trader deve affrontare, ma che variano da broker a broker. In sostanza, quindi, prima di operare, è consigliabile farsi un’idea precisa e mettere a punto una strategia.

Fare trading (negoziazione) significa compiere operazioni finanziarie su degli asset di mercato o beni come valute o commodities. Nel caso del mercato valutario, questo funziona mediate una compravendita di valute che sono scambiate per produrre un profitto (margine). In sostanza si acquistano delle valute per venderle ad un prezzo superiore, a seconda delle quotazioni che regolano gli scambi.
I profitti che si possono ottenere sono anche molto elevati, ma non si è immuni dai rischi di perdita di capitale, qualora le operazioni non fossero ben ponderate.
Altri servizi su cui fare operazioni sono i contratti per differenza (CFDs) e gli indici di borsa, ma va verificato che il mediatore sia abilitato a proporli.

Forex Trading: l’importanza dell’analisi tecnica

E’ importante che chi voglia operare in modo professionale con il trading acquisisca nel tempo familiarità con l’analisi dei mercati. I trader che vogliono conseguire dei risultati si tengono aggiornati, confrontano grafici, dati, analisi storiche. L’analisi tecnica serve a capire le operazioni da compiere e a verificare se le proprie intuizioni siano corrette.
Oltre all’analisi tecnica abbiamo anche l’analisi fondamentale, che significa fare trading sulla notizia ovvero cercare di intuire il trend dei mercati in base alle news che riguardano l’economia europea e mondiale. Anche se le news hanno un peso, è bene ricordarsi che le fluttuazioni e le oscillazioni di mercato sono imprevedibili.

Un buon trader sa gestire il rischio

Controllare l’effetto leva: molti trader non comprendono quanto lo strumento della leva finanziaria sia potente e rischioso. Il conto di un trader può restare a secco proprio con un uso improprio della leva. Per evitare queste situazioni, sarebbe opportuno compiere operazioni in leva controllate, quindi tenerla al di sotto di una certa soglia.
Sapere gestire il rischio significa controllarne gli effetti pianificando delle strategie di uscita, come lo stop loss, o una corretta gestione del denaro, che in gergo prende il nome di money management.
Ma non è soltanto importante controllare il denaro, bensì anche le proprie emozioni. I trader più in gamba sono quelli che sanno quando agire e quando fermarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.