Come interpretare i segnali di copertura degli occhi nella comunicazione non verbale

di | 4 Maggio 2022

Possiamo osservare segnali di copertura in qualsiasi momento del giorno, su qualsiasi persona a cui parliamo, relativi agli occhi, alle orecchie e alla bocca. Questi segnali di copertura sono più evidenti nei bambini più piccoli e, man mano che cresciamo, impariamo che si tratta di segnali di fuga.

Di conseguenza, abbiamo imparato a controllarli. Tuttavia, poiché l’espressione esterna è un riflesso del pensiero interiore, i segnali trapelano. Desmond Morris scoprì che le infermiere che mentivano ai pazienti mostravano una maggiore frequenza di gesti mano a mano rispetto a quelle che dicevano la verità.

Naturalmente, quando osserviamo un gesto della mano sulla faccia, non significa che qualcuno stia mentendo, nonostante il mito popolare. Può indicare che la persona potrebbe trattenere informazioni o mostrare disagio. È importante guardare altri modelli di comportamento e non questo in modo isolato. Iniziamo con i segnali di copertura degli occhi.

Copertura degli occhi

Come noto, guardiamo le cose che ci piacciono e distogliamo lo sguardo dalle cose che non ci piacciono. Coprire gli occhi è dunque un gesto ovvio e si vede nei bambini piccoli.

Man mano che cresciamo, i segnali diventano più sottili e impariamo a coprire le cose. Anche da adulti si verifica la copertura degli occhi. Pensate a una situazione in cui avete fatto qualcosa di cui non siete orgogliosi. In molti casi, vedrete le dita coprire gli occhi appena sotto la fronte e questo a volte può essere accompagnato da uno scuotimento della testa. Qualcuno può pensare di non poter credere di aver fatto questo. Più forte è l’emozione, più evidente è il gesto.

Può anche avvenire in modi più sottili con un dito che tira l’occhio. A volte assistiamo a questo quando qualcuno è seduto a un tavolo. Può avere la mano che tocca il viso in posizione d’ascolto e l’indice comincia a toccare l’occhio.

Sbattere le palpebre

L’ammiccamento avviene come un processo inconscio, ma può essere coscientemente annullato. Il tasso di ammiccamento cambierà e questo è spesso associato a una sensazione di comfort o disagio. Alcune persone possono trovare più facile di altre identificare e individuare un cambiamento nel tasso di ammiccamento e può effettivamente essere uno strumento utile.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che stiamo operando entro i limiti di ciò che possiamo portare alla consapevolezza cosciente per l’analisi. L’esperienza dell’osservatore induce a individuare un cambiamento nel tasso di ammiccamento in modo più o meno abile. Tuttavia, una cosa è certa: l’ammiccamento è un segnale di comunicazione non verbale molto potente e possiamo imparare ad usarlo a nostro vantaggio.

Chiusura degli occhi

Gli occhi sbattono costantemente le palpebre e le persone hanno diverse velocità di battito. Quando si verifica la chiusura degli occhi, noteremo un cambiamento nel tasso di battito delle palpebre. Qualcuno può chiudere momentaneamente gli occhi piuttosto che sbattere le palpebre: se parlate con qualcuno e osservate questo, può essere abbastanza frustrante. Se gli occhi sono strettamente chiusi, questo può riflettere tensione e disagio perché la persona sta vivendo qualcosa che non le piace e tale atteggiamento è spesso accompagnato da uno scuotimento della testa. In senso letterale, questo può significare che non vogliono vedere di cosa si sta parlando.

Occhi stretti

Ci accigliamo e strizziamo gli occhi alle cose che non ci piacciono o di cui siamo sospettosi. Potreste di fatto aver sentito l’espressione “occhi stretti”. Quando gli occhi si restringono e le sopracciglia si abbassano ciò può essere indicativo del fatto che qualcuno non è d’accordo con voi o crede a quello che state dicendo. Il grado dell’espressione trasmette l’intensità dell’emozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.