4 suggerimenti per prenderti cura del tuo gatto

di | 22 Febbraio 2020

Vuoi prenderti cura un po’ meglio del tuo gatto, quella creatura misteriosa che si aggira nel tuo appartamento?

Di seguito abbiamo riassunto 4 suggerimenti che ti consigliamo di leggere attentamente!

Lascia che sia il tuo gatto a decidere

Quando vediamo dei gatti, abbiamo certamente la tendenza ad accarezzarli. Tuttavia, secondo due studi svizzeri, l’approccio migliore è lasciare che sia il gattino a fare la prima mossa. Ricerche condotte in 51 case svizzere con gatti hanno dimostrato che quando gli esseri umani si siedono e aspettano – e si concentrano su qualcos’altro, come un buon libro – il gatto è più propenso ad avvicinarsi, e meno propenso a ritirarsi quando le persone rispondono. Un altro studio ha scoperto che le interazioni durano più a lungo e sono più positive quando il gattino inizia l’attività e decide quando questa termina. Gioca un po’ a fare i difficili e potresti scoprire qualcosa di nuovo!

Avvicina il gatto nel modo in cui saluterebbe

I felini che sono amichevoli tra loro si salutano naso a naso. Si può imitare questo comportamento offrendo una punta di dito non minacciosa al loro livello del naso, a pochi centimetri di distanza. Piegati e allunga delicatamente la mano. Molti gatti cammineranno verso l’alto e annuseranno il vostro dito, e potrebbero anche strofinarsi. Questo sarebbe un chiaro segnale di successo!

Accarezza il gatto dove preferisci

I gatti sono molto sensibili al tatto e, in generale, tendono ad essere accarezzati in alcuni luoghi più di altri. Un piccolo studio del 2002 ha dimostrato che i gatti hanno mostrato risposte più positive, come fare le fusa, sbattere le palpebre e muovere le zampe quando si accarezza fronte e guance. Erano più propensi a reagire negativamente, sibilando, schiacciando o scuotendo la coda, quando venivano accarezzati nella zona della coda. Uno studio più recente ha convalidato questi risultati con un campione più grande e molti proprietari possono forse testimoniare queste preferenze.

Se non si riesce a stringere un contatto, lascia spazio al gatto

Ci sono molti segnali che indicano che a un gatto non piacciono le tue azioni. Questi possono andare da quelli che sibilano e mordono fino a quelli più sottili: appiattire le orecchie, guardare la mano, o attorcigliare la coda. Quando si riceve uno di questi segnali, è il momento di fare marcia indietro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *