Controsoffitti in fibra minerale: la soluzione ottimale in molti ambienti

di | 24 Settembre 2020

2 03-Qura-610Sono numerose le soluzioni proposte oggi dalle aziende che producono pannelli per controsoffitti. Uno dei materiali più innovativi, anche se utilizzato da molti anni, possiamo indicare la fibra minerale. I controsoffitti in fibra sono versatili e pratici e permettono di dare una risposta rapida e sicura a differenti esigenze. La prima è solitamente una richiesta estetica: si costruisce un controsoffitto per rendere più piacevole un ampio e alto ambiente, magari anche suddividendolo in diverse aree. Con un controsoffitto in fibra si ottengono risposte anche a richieste di tipo funzionale.

A cosa serve un controsoffitto in fibra

Un controsoffitto viene installato sostanzialmente per ridurre l’altezza di un ambiente. Utilizzando pannelli in fibra minerale si ottiene anche una buona coibentazione, che permette di ridurre la cubatura da riscaldare: il soffitto si abbassa “togliendo” parte del volume di un ambiente alla zona da climatizzare. Oltre a questo la fibra offre alcune interessanti specifiche. Infatti è ignifuga, fonoassorbente, resistente all’umidità e a lunga durata. Si tratta quindi di un materiale molto versatile, che risponde anche alle esigenze di differenti tipologie di ambienti. In commercio sono disponibili pannelli in fibra per controsoffitti adatti agli uffici, alle scuole, alle sedi produttive; utilizzabili poi anche in situazioni particolari, come ad esempio negli ambienti sanitari o in ampie sale congressi.

Come si posa un controsoffitto in fibra

I pannelli in fibra minerale da utilizzare nelle controsoffittature sono tagliati in riquadri di 60 cm di lato. Questi pannelli sono fissati, o anche solo appoggiati, a una struttura metallica, che viene posata a una certa distanza dal soffitto preesistente. I pannelli si possono sagomare e tagliare, in modo da dare vita a dislivelli di misura a scelta. Si tratta di un espediente utilizzato spesso in ambienti molto grandi, per definire alcune zone o uniformare parti dell’ambiente con dislivello nel soffitto o altre problematiche. La posa si può effettuare in modo da celare completamente la struttura metallica; ci sono ambienti però in cui la struttura è lasciata a vista, per approfittare dell’effetto a scacchiera che conferisce al controsoffitto. Dopo la posa i pannelli in fibra possono essere verniciati, con vernici apposite; questo permette di mantenere il controsoffitto sempre pulito ed esteticamente gradevole.

Gli impianti nascosti dal controsoffitto

Sono numerosi gli ambiti in cui si posizionano controsoffitti in fibra con lo scopo di utilizzare la zona così nascosta. In questo spazio, che a volte può avere un’altezza ragguardevole, si nascondono impianti di vario genere. Negli uffici e nelle sale riunioni create all’interno di capannoni industriali il controsoffitto nasconde spesso tutti gli impianti, da quello idraulico a quello elettrico. In altri ambiti invece si tende ad utilizzare lo spazio celato dal controsoffitto per installare punti luce nella zona desiderata, nascondendo completamente la cavetteria e le strutture luminose. La dimensione dei pannelli e la disponibilità di strutture consone consente anche di posizionare, al posto di un singolo pannello, apertura per l’aerazione, o anche sensori di vario genere, come ad esempio i rilevatori di fumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *