Cos’è il narcisismo

di | 4 Aprile 2022

0018Il termine “narcisismo” ha origine da un antico mito greco su Narciso, un giovane che vide il suo riflesso in uno specchio d’acqua e si innamorò dell’immagine di se stesso. In psicologia clinica, il narcisismo come malattia è stata introdotta da Sigmund Freud ed è stata continuamente inclusa nei manuali diagnostici ufficiali come descrizione di un tipo specifico di disturbo psichiatrico della personalità.

In psicologia, il narcisismo è definito come una condizione caratterizzata da un esagerato senso di importanza, un eccessivo bisogno di attenzione, una mancanza di empatia e, di conseguenza, relazioni disfunzionali. In generale, i narcisisti possono mostrare esteriormente un livello estremamente alto di fiducia, ma questa facciata di solito nasconde un ego molto fragile e un alto grado di sensibilità alle critiche. C’è spesso un grande abisso tra la visione altamente favorevole che un narcisista ha di se stesso, l’aspettativa risultante che gli altri debbano estendere a lui o a lei favori e trattamenti speciali, e la delusione quando i risultati sono molto negativi o comunque diversi. Questi problemi possono influenzare tutte le aree della vita del narcisista, comprese le relazioni personali, le relazioni professionali e le questioni finanziarie.

Generalmente, coloro che esibiscono tratti derivanti dal Disturbo Narcisistico di Personalità possono impegnarsi in relazioni caratterizzate da una mancanza di empatia. Per esempio, un narcisista può richiedere continui commenti, attenzione e ammirazione da parte del suo partner, ma spesso appare incapace o non disposto a ricambiare mostrando preoccupazione o rispondendo alle preoccupazioni, ai pensieri e ai sentimenti del suo partner.

I narcisisti mostrano anche un senso di diritto e si aspettano eccessive ricompense e riconoscimenti, ma di solito senza aver mai realizzato o raggiunto nulla che giustifichi tali sentimenti. C’è anche una tendenza a criticare eccessivamente chi lo circonda, combinata con un’accresciuta sensibilità quando anche la più piccola critica è diretta a lui o a lei.

Così, mentre il narcisismo nella cultura popolare è spesso usato come un termine peggiorativo e un insulto rivolto a persone come attori, modelli e altre celebrità che mostrano alti gradi di auto-amore e soddisfazione, è in realtà un termine psicologico che è ben distinto dall’avere semplicemente un’alta autostima. La chiave per comprendere questo aspetto della psicologia oscura è che l’immagine che il narcisista ha di se stesso è spesso completamente e interamente idealizzata, grandiosa e gonfiata e non può essere giustificata da alcun risultato o capacità fattuale e significativo che possa rendere credibili tali affermazioni. Come risultato di questa discordanza tra aspettative e realtà, il comportamento esigente, manipolativo, sconsiderato, egocentrico e arrogante del narcisista può causare problemi non solo a se stesso, ma a tutte le persone della sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.