Cos’è l’assolutismo?

di | 3 Febbraio 2021

riforma costituzionaleL’assolutismo è una teoria politica e una forma di governo in cui il potere illimitato e completo è detenuto da un individuo sovrano centralizzato, senza controlli o equilibri da qualsiasi altra parte della nazione o del governo. In effetti, l’individuo al potere ha un potere assoluto, senza alcuna sfida legale, elettorale o di altro tipo a tale potere.

In pratica, gli storici discutono se l’Europa abbia visto dei veri governi assolutisti, ma il termine è stato applicato, a torto o a ragione, a vari leader, dalla dittatura di Adolf Hitler a monarchi come Luigi XIV di Francia e Giulio Cesare.

Riferendosi alla storia europea, si parla generalmente della teoria e della pratica dell’assolutismo con riferimento ai “monarchi assolutisti” della prima età moderna (dal XVI al XVIII secolo). È molto più raro trovare qualsiasi discussione sui dittatori del XX secolo come assolutisti. Si ritiene che l’assolutismo della prima età moderna sia esistito in tutta Europa, ma in gran parte in Occidente in stati come la Spagna, la Prussia e l’Austria. Si ritiene che abbia raggiunto il suo apogeo sotto il governo del re francese Luigi XIV dal 1643 al 1715, anche se ci sono opinioni dissenzienti – come quella dello storico Roger Mettam – che suggeriscono che questo fosse più un sogno che una realtà.

Alla fine degli anni ’80, la situazione nella storiografia era tale che uno storico poteva scrivere in “The Blackwell Encyclopaedia of Political Thought” che “è emerso un consenso sul fatto che le monarchie assolutiste d’Europa non sono mai riuscite a liberarsi dai vincoli sull’effettivo esercizio del potere”.

Ciò che ora è generalmente creduto è che i monarchi assoluti d’Europa dovevano ancora riconoscere le leggi e gli uffici inferiori, ma mantenevano la capacità di annullarli se ciò andava a vantaggio del regno. L’assolutismo era un modo in cui il governo centrale poteva tagliare le leggi e le strutture dei territori che erano stati acquisiti frammentariamente attraverso la guerra e l’eredità, un modo per cercare di massimizzare le entrate e il controllo di questi possedimenti talvolta disparati.

I monarchi assolutisti hanno visto questo potere centralizzarsi ed espandersi quando sono diventati governanti dei moderni stati-nazione, che erano emersi da forme di governo più medievali, dove i nobili, i consigli/parlamenti e la chiesa avevano poteri e agito come controlli, se non come veri e propri rivali, sul monarca vecchio stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *