CPI e PPI: cosa significano queste sigle e che informazioni forniscono

di | 7 Settembre 2021

3 laptop-1160447_1920CPI e PPI sono due sigle ricorrenti nei calendari macroeconomici ma… cosa vogliono indicare?

Andando con ordine, un indice dei prezzi al consumo (CPI) misura i cambiamenti nel costo di beni e servizi pagati dai consumatori in un mese specifico. Essenzialmente, confronta il costo della vita nel tempo e può quindi essere usato per valutare i livelli di inflazione.

Gli operatori di mercato prestano molta attenzione alle cifre del CPI per i segnali di inflazione – poiché l’aumento dell’inflazione può causare tassi di interesse più alti e ridurre i prestiti, mentre la deflazione può abbassare i tassi di interesse e incoraggiare i prestiti.

La maggior parte dei paesi avrà il proprio indice dei prezzi al consumo. È importante tenere d’occhio l’indice dei prezzi al consumo per ogni paese in cui si detiene un interesse personale – che si tratti di una posizione su azioni, indici o valute.

Il CPI è riconosciuto come uno dei principali indicatori dell’inflazione. Tuttavia, è importante ricordare che è un indicatore in ritardo, quindi potrebbe non essere accurato per gli attuali livelli di inflazione. Come per altri indicatori, il CPI è meglio usato come una parte della tua strategia di analisi totale.

Di contro, l’indice dei prezzi alla produzione segue le variazioni dei prezzi nei settori che producono beni – tra cui l’industria mineraria, manifatturiera, l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca – e un numero crescente di settori che non producono beni. Misura i cambiamenti nei prezzi di vendita dei beni finiti, dei beni intermedi e dei beni grezzi in migliaia di aziende. Il PPI valuta i costi dalla prospettiva delle industrie, mentre il CPI misura i prezzi dalla prospettiva dei consumatori.

Anche il PPI è considerato un ottimo strumento per guardare come cambiano i prezzi nel lungo periodo. Sono spesso visti come un indicatore anticipatore dell’inflazione, dato che le indagini mostrano i cambiamenti dei prezzi, anche prima che appaiano a livello di vendita al dettaglio. Il PPI è anche di solito il primo dato sull’inflazione rilasciato in un mese – quindi è la prima visione che gli investitori hanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.