Il Prozac è utile contro l’avvelenamento da cibo?

di | 24 Giugno 2020

La serotonina può ridurre la gravità delle infezioni causate dal batterio E. coli O157, una causa comune di avvelenamento alimentare. Una evidenza che aumenta la possibilità che i medici possano usare farmaci che aumentano i livelli di serotonina, come il Prozac, per trattare le infezioni batteriche intestinali.

Ricordiamo infatti come il consumo di cibo o acqua contaminati dal batterio Escherichia coli (E. coli) O157 possa causare gravi intossicazioni alimentari potenzialmente fatali. I sintomi includono diarrea sanguinolenta, dolore addominale e febbre.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) non raccomanda l’uso di antibiotici per trattare le infezioni da E. Coli O157, e indicano che gli antibiotici potrebbero peggiorare l’infezione aumentando il rischio di complicazioni.

Ebbene, in questo scenario, una ricerca condotta presso l’Università del Texas e la Kansas State University di Manhattan, ora suggerisce che i farmaci che aumentano i livelli di serotonina, come l’antidepressivo Prozac (fluoxetina), potrebbero servire come potenziali trattamenti.

Trattare le infezioni batteriche, soprattutto nell’intestino, può essere molto difficile“, dice Vanessa Sperandio, Ph.D., professore di microbiologia e biochimica presso l’UT Southwestern Medical Center e autore senior del nuovo studio. “Se potessimo riutilizzare il Prozac o altri farmaci nella stessa classe, potremmo avere una nuova arma per combattere queste infezioni“, continua. Gli scienziati hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista Cell Host & Microbe.

I ricercatori sanno che la serotonina funziona nel cervello, dove passa i segnali tra le cellule nervose e aiuta a regolare il sonno e l’umore, tra le altre funzioni. Ciò che è meno noto è che l’intestino ospita il 95% di tutta la serotonina del corpo, dove controlla il movimento intestinale e influenza l’appetito come parte del sistema nervoso enterico.

Secondo Cell Host e Microbe, gli studi dimostrano che i cambiamenti nel comportamento dei microbioti influenzano il comportamento e hanno legami con malattie neurologiche, come l’autismo. La stragrande maggioranza dei microrganismi presenti nel microbiota sono batteri benefici e “amichevoli” che forniscono benefici per la salute, come ad esempio il miglioramento dell’immunità. Altri influenzano i livelli di neurotrasmettitori, tra cui la serotonina nell’intestino. Ma gli scienziati sanno poco di come la serotonina influenzi i batteri patogeni dell’intestino.

A margine dello studio, i risultati hanno indicato che i batteri erano meno propensi a colonizzare i topi che hanno prodotto in eccesso di serotonina o hanno causato infezioni più lievi. Al contrario, i topi che gli scienziati non hanno prodotto un sacco di serotonina erano più inclini a gravi infezioni, e molti sono morti.

Quando i ricercatori hanno dosato topi sani con fluoxetina per aumentare i loro livelli di serotonina, sembrava di proteggerli dalle infezioni da C. rodentium. Un ultimo ciclo di esperimenti ha identificato che la serotonina si lega a un recettore proteico chiamato CpxA sia in E. coli e C. rodentium. Quando la serotonina si lega al CpxA, agisce come un interruttore, spegnendo l’espressione dei geni della virulenza nei batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *